Silvia Pasticci

Castagnaccio ligure, semplice merenda.

Print Friendly, PDF & Email
Una bontà semplice e sincera.

Una bontà semplice e sincera.

Oggi avevo voglia di preparare il castagnaccio, chissà perchè le giornate grigie mi portano ad avere voglia di fare cose al forno, anche se, a dire il vero, è assolutamente caldo per essere novembre…

Sapendo che ad aprile avevo già pubblicato la ricetta del castagnaccio ligure mi sono detta “vado a cercarlo sul blog”, peccato che abbia pubblicato una ricetta senza testo!! la cosa peggiore è che mi ricordo perfettamente di aver scritto una battuta sulla distribuzione dei semi di finocchio (a Marito erano toccati tanti e non li aveva graditi) ma, non so bene perchè il testo non è stato pubblicato, probabilmente avevo la linea lenta e non si è aggiornato, va un po’ a capire!
Doverose le mie scuse ai lettori che non  hanno potuto leggere niente, ecco a voi (spero) la ricetta del castagnaccio.
Pronto da gustare.

Pronto da gustare.

Per una teglia rotonda di 40cm circa di diametro:

  • 300g di farina di castagne setacciata.
  • 50g di pinoli.
  • 75g di uvetta sultanina ammorbidita nell’acqua.
  • 1/2 cucchiaino di semi di finocchio (soprattutto se avete un marito mugugnone).
  • Olio extravergine d’oliva.
  • Un pizzico di sale.

Mettere la farina in una ciotola e versare il sale e l’acqua, poca alla volta, deve venire una pastella densa che, quando fate gocciolare dalla frusta le goccie lascino dei “crateri” nella ciotola.

Ungere bene ed in abbondanza la teglia e versare il composto (tra mezzo e un centimetro, se troppo bassa si secca, se troppo alta non cuoce bene).

Distribuire sulla superficie l’uvetta ammollata, i pinoli e i semi di finocchio.

Infornare a 190°C, il castagnaccio sarà cotto quando si crepera dappertutto.

Godetevi i vostri Pasticci ed alla prossima.

Besos.

2 Commenti

  1. Francesca

    Che buono, l’ho mangiato una volta, ma mai fatto, mi sa che mi cimenterò a farlo!! ^__^

  2. Silvia Pasticci (Autore Post)

    Una di quelle ricette così “scemotte” con non vengono fatte quasi mai ma meritano… Tentaci, non rimarrai delusa!

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *