Silvia Pasticci

Cheesecake senza garanzia.

Print Friendly, PDF & Email

Cheesecake senza garanzia perchè non è vero che prima si stava meglio, perchè ti poteva capitare che un forno nuovo non funzionasse e nessuno facesse niente…

Credevo di non avere molti ricordi d’infanzia legati al cibo ma ad ogni sfida mtchallenge mi fa venire in mente tante di quelle cose!

Mia madre non ama cucinare, non è neanche una che ami provare, che esperimenti, che usi spezie… eppure nei primi anni 80 è stata una pioniera dei cheesecake – pioniera almeno in famiglia – e, ancora oggi, una delle sue torte gelatinate è la preferita per finire i pasti (tradizionalmente abbondanti e pesantucci) dei giorni di festa.

Non è vero che si stava meglio quando si stava peggio, il nostro cheesecake senza garanzia nasce quando ero poco più alta di un metro e della possibilità di “sputtanare” on-line una marca che non si prende le proprie responsabilità, l’umiliazione pubblica ha fatto tantissimo sia per sviluppare i servizi clienti sia per aiutarci a scegliere quando dobbiamo acquistare qualcosa e consultiamo i pareri di chi già ha avuto a che farci.

I miei quando spendono, spendono tanto sperando di spendere bene… Comprarono un forno di un noto marchio spagnolo (BALAY) che mai arrivò a cuocere un umile pollo, solo il grill funzionava. Si ruppe subito e ci fu nulla da fare, negozio e marchio se ne lavarono le mani e fu così che la nostra piccola eroina inventò polli arrosto in padella, cartocci in pentola e torte di svariate foggie, ovvio che la maggior parte erano dei cheesecake…

Cheesecake hanno voluto che cucinassimo Annalù e Fabio di Assaggi di Viaggio, gli ultimi vincitori di mtchallenge.

Cliccate per conoscere le regole della sfida mtchallenge 57!

Cliccate per conoscere le regole della sfida mtchallenge 57!

Io mi sono decisa per un cheesecake dolce fatto con la gelatina e a base di pompelmo, il gusto amarognolo di questo frutto con il supermegadolce di quel poco cioccolato bianco che c’è alla base (secondo me) vanno d’accordissimo e, per finire, una semplice gelatina molto poco zuccherata che da la sberla finale di gusto, per finire un pasto in modo leggero (al palato che non in quanto a calorie!).

 

Cheesecake senza garanzia.

Per uno stampo di 18cm di diametro (circa 8-10 porzioni).

Per la base:

  • 120 g di biscotti Digestive (8 pezzi).
  • 25 g di Corn Flakes.
  • 50 g di burro sciolto.
  • 40 g di cioccolato bianco sciolto.

Per la farcia:

  • 200 g di ricotta vaccina.
  • 200 ml di panna fresca da montare.
  • 150 ml di succo di pompelmo rosa.
  • 70 g di zucchero semolato.
  • 5 g di gelatina colla di pesce.

Per la copertura finale:

  • 150 ml di succo di pompelmo rosa.
  • 10 g di zucchero semolato.
  • 5 g di gelatina colla di pesce.

Iniziamo preparando lo stampo a cerniera. Mettete sulla base un pezzo di carta forno per agevolare la sformatura e fissate l’anello. Sbriciolate in modo grossolano i biscotti e i corn flakes – a me piace trovare pezzettoni in mezzo alla base ma potete tranquillamente frullare il tutto e non mettere i corn flakes che io aggiungo per trovare qualcosa di più croccante – e mescolate con il burro ed il cioccolato bianco sciolti a bagno maria o al forno a microonde per circa 30 secondi alla massima potenza. Versate nello stampo e appiattite con il dorso di un cucchiaio o un batticarne, mettete in frigo perchè si solidifichi mentre prepariamo la crema della farcitura.

Mettete a bagno in acqua fredda la colla di pesce.

Montate la panna fredda con le fruste, non deve essere troppo dura o vi sarà molto complicato mescolarla con el resto degli ingredienti. Mescolate la ricotta con lo zucchero, deve risultare liscia. Spremete il pompelmo e filtratelo per evitare di trovare pellicine o semini, scaldate nel forno a microonde per 15-20 secondi la metà del succo e fatevi sciogliere la colla di pesce, mescolate prima con il resto del succo e dopo con la ricotta e poi unite a più riprese la panna, mescolando delicatamente dall’alto verso il basso perchè non perda troppo volume. Versate sulla base di biscotti, coprite con pellicola e tenete in frigo per almeno 4 ore.

Quando la torta sarà soda preparate la gelatina di pompelmo con il succo filtrato e mescolato con lo zucchero semolato, scaldate una parte del suco per far sciogliere la colla di pesce, mescolate e versate MOLTO DELICATAMENTE sul cheesecake senza garanzia. Rimettete in frigo per 2-3 ore.

Passate delicatamente un coltello tra lo stampo e la torta e, con santa pazienza e tanta delicatezza, aprite l’anello. Dopo mangiate pure 😉

Godetevi i vostri Pasticci ed alla prossima.

16 Commenti

  1. Helga

    Non amo i dolci con il limone, ma quest’unione con il pompelmo mi attira parecchio, anche perchè lo adoro letteralmente! Grazie per averci catapultato nei tuoi ricordi tutto questo dona al tuo cheesecake qualcosa di magico! Il topping è assolutamento perfetto nella sua realizzazione! Complimenti, baciotti e ronron H&M

  2. Silvia (Autore Post)

    Grazie mille! :-*

  3. Tamara Giorgetti

    A me piace molto, gli agrumi li adoro e quel topping mi fa tanta gola e poi amo le gelatine colorate 🙂

  4. Silvia (Autore Post)

    Anche noi amiamo le gelatine, iniziamo sempre ra quella! 🙂

  5. cristina Galliti

    Niente male, la “sberla” del pompelmo rosa è molto interessante così come il suo abbinamento col cioccolato bianco. Basta non prendersela in faccia 😉

  6. Fabio

    Io un dolce senza garanzia non l’avevo mai visto 😀 però che tristezza questa storia del forno, non è possibile una cosa del genere. Però, come tutte le difficoltà, mette in moto l’ingegno e ci si adegua nel migliore dei modi possibili. Trovo che il dolce della cioccolata ben bilanci l’aspro del pompelmo che col suo colore caratterizza questo tuo cheesecake!
    Grazie!

  7. Anna Luisa

    Che colore fantastico il tuo cheesecake, lo trovo molto romantico. Il sapore amarognolo del pompelmo rosa si lega benissimo con il cioccolato bianco della base ed i corn flakes, come dici tu, danno quella gustosa croccantezza.
    Tu e tua madre siete la dimostrazione che anche senza forno si possono fare meraviglie 😉
    Baci
    Anna Luisa

  8. Silvia (Autore Post)

    Ma con un forno e le tue manine sante si va molto più lontano!
    Baci.

  9. Silvia (Autore Post)

    Grazie a te ed a Annalù per essere stati così “teneri” con noi mtchallengers, con ricette più semplici sulla carta facciamo volare di più la fantasia!

  10. Silvia (Autore Post)

    Fidati, dopo un pasto spagnolo contenente legumi e anche agnello arrosto fa piacere pure la sberla in faccia. Sempre che sia fredda…

  11. Elisa Dondi

    Colori stupendi e agrumi che adoro! Bellissimo!

  12. Silvia (Autore Post)

    Grazie mille!

  13. Anna Laura

    La fantasia sopperisce a tante mancanze. Brava la tua mamma e bravissima tu (ma questo lo sapevo già 😉 )

  14. Silvia (Autore Post)

    Tontolona! così mi farai arrossire… 🙂 :-*

  15. Rossella

    Adoro i contrasti, il troppo dolce non è nelle mie corde e la tua scelta agrumata la trovo un’idea veramente felice. 🙂

  16. Silvia (Autore Post)

    Grazie mille! 🙂

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *