Silvia Pasticci

Focaccia di Recco, facilissima!

Print Friendly, PDF & Email
Focaccia col formaggio, come quella di Recco.

Focaccia col formaggio, come quella di Recco.

Non so se sia giusto che io chiami la mia focaccia col formaggio, focaccia di Recco dopo la lotta che hanno dovuto intraprendere i ristoratori recchesi per avere il riconoscimento IGP per il loro prodotto di punta e le discussioni sul tipo di formaggio con cui farcirla…

Comunque io l’ho fatta, anche se fa caldo, perchè, malgrado sembri complicata è piuttosto facile da fare. Fatevi coraggio e preparatela anche voi, è un ottimo piatto unico o antipasto da mangiare prima della pizza o come aperitivo, fa la sua bella figura e non è specialmente cara.

Ci mettiamo all’opera?

Chi non andrebbe a farsi una gita tra quelle collinette?

Chi non andrebbe a farsi una gita tra quelle collinette?

Per una teglia di 35 cm (secondo piatto per due adulti o aperitivo per sei):

  • 150g di farina 00
  • 85g di acqua a temperatura ambiente
  • 10g di olio extra vergine d’oliva (un cucchiaio da minestra)
  • 3g di sale fino
  • 200g di stracchino, crescenza, invernizzia…
  • Olio per ungere la teglia e da irrorare sopra
  • Sale, un pizzico da mettere sulla focaccia una volta chiusa

Cinque ore prima che vogliate infornare la vostra focaccia preparate l’impasto mescolando la farina con l’acqua, l’olio ed il sale e impastando per pochi minuti. Lasciate riposare un’ora, dentro ad un barattolo con il coperchio perché non perda la sua umidità, e impastate di nuovo per qualche minuto. Infarinate leggermente il piccolo panetto, coprite di nuovo e lasciate riposare fino al momento di stendere.

Accendete il forno ventilato sopra e sotto a 200°C. Stendete circa il 70% della pasta su una superficie leggermente infarinata prima con il mattarello e poi in aria con le mani, essendo la pasta molto idratata si allunga facilmente con solo tenerla per i bordi e lasciandola cadere, e apoggiatela sulla teglia oliata lasciando debordare un po d’impasto.

Mettere sopra lo stracchino a pezzettoni e adagiare il resto della pasta ben tirata, chiudere i bordi con la pasta che prima abbiamo lasciato debordare, irrorare d’olio extra vergine d’oliva, mettere un pizzico di sale e bucare qua e là la pasta.

Infornare per circa 15 minuti o finchè avrà raggiunto la doratura che preferite.

Godetevi i vostri pasticci ed alla prossima.

Baci.

8 Commenti

  1. In cucina da Eva

    molto interessante, non la conoscevo, sembra fantastica!

  2. Silvia Pasticci (Autore Post)

    Cose tipiche della Liguria, dove abito, è straordinaria se ti piace lo stracchino o la crescenza… Se hai voglia di stupire i tuoi ospiti e vuoi fare una serata tipica ligure prova anche la farinata, sorprendentemente buona e semplice.

  3. gina

    pensoi che sia buonissima mi sa che la provo domani, ho già le bietoline in casa……

  4. gina

    naturalmente ho sbagliato ricetta mi riferivo alla torta salata con le bietole, ma anche la focaccia tipo recco non sarà male 🙂

  5. Silvia Pasticci (Autore Post)

    Tu mettici parmigiano grattugiato come se te lo regalassero e vedrai che anche i bambini la mangieranno.

  6. Silvia Pasticci (Autore Post)

    No problem. Comunque la focaccia di Recco è semplicissima solo che per sfamare Marco ci vorrebbero 20 metri quadri…

  7. tiziana

    ma non ci va il lievito?

  8. Silvia Pasticci (Autore Post)

    No, ma è fondamentale il tempo di riposo per rendere l’impasto elastico.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *