Silvia Pasticci

Frittata di zucchine di Profumo di Limoni per THE RECIPE-TIONIST.

Print Friendly, PDF & Email

Quella fucina d’idee che è Valentina del blog “Profumo di Limoni” mi ha fornito questa stupenda frittata di zucchine proprio pochi giorni fa, giusto in tempo per partecipare al THE RECIPE-TIONIST di Elisa Baker “Cuoci cuci dici”.

Questo divertente gioco è davvero semplice. Tra Elisa e Valentina sceglieranno il vincitore del bimestre Marzo-Aprile che avrà fatto una ricetta prendendo spunto dal blog di Valentina con la concessione di omettere, aggiungere o sostituire un solo ingrediente della ricetta originale. Per quei due mesi, ed entro il 15 di giugno, gli altri sceglieremo la o le ricette che vogliamo riproporre. L’unico vincolo di THE RECIPE-TONIST è semplicemente divertirsi e avvertire che si gioca commentando la ricetta scelta con il nostro link della propria versione e mettendo il banner che ad ogni turno ci fornirà Elisa.

Le ricette golose di Valentina sono davvero tante e farci un giretto da Profumo di Limoni è sempre un bel piacere; storielle simpatiche, bellissime fotografie e ricette golose sono assicurate. La mia scelta sulla poco rischiosa frittata di zucchine è stata dettata dal poco amore di Marito e Figlio per le spezie che Valentina adora e dal fatto che avevo delle zucchine che i giravano per casa. Ho colto l’attimo e ho preparato la cena in anticipo (per quello la mia frittata è ben cotta, la adoriamo in un panino con lattuga, pomodoro e maionese con aggiunta di aglio, provate per credere!). Rispetto alla nostra protagonista di THE RECIPE-TIONIST di questo bimestre io non ho messo il basilico fresco. Semplicemente ho un pollice talmente nero da ammazzare tutte le piante aromatiche che compro e non avevo del basilico a mia disposizione.

Ora dovrei scrivere la mia versione della ricetta, ma mi rifiuto, vi mando dalla Vale a farle visita cliccando qui!

4 Commenti

  1. Vale

    Che splendida frittata, ma dopotutto, tu che sei catalana, con le frittate/tortillas, ci vai a braccetto, le devi avere nel DNA. Io credo di aver girato col piatto e rovescio di padella, 3 frittate in vita mia, che poi sono quelle che vedi sul mio blog (patate, cipolle e zucchine). Anche io, a casa di mamma, mangiavo la frittata di zucchine nel panino, e devo dire che quando lo faccio torno sempre con la mente a ricordi piacevoli, di calore e di famiglia, di pomeriggi sui libri con la merenda che era più da manovale che da “studente che studia e si deve prendere una laura” (cit. Totò). Però ora mi intriga da morire la versione panino ricco con pomodoro, lattuga e strofinata di aglio. Vuoi che due giorni fa ho fatto uno tzatziki con una quantità di aglio tra esso e la marinatura dei souvlaki che a distanza di due giorni ancora ammazzo le cimici, fatto sta che ora mangiare aglio non mi spaventa più. Quindi, lo proverò, il tuo panino golosissimo con la frittata. Tu hai preparato la versione base senza basilico, come quella di mia mamma, perciò il successo è assicurato!!!! Grazie Silvia per esserci stata, sai bene quanto significhi per me!

  2. Silvia (Autore Post)

    Ragazza, tu vali molto, non ti sottovalutare mai. E non consentire che gli altri lo facciano a seconda di quanto risulti utile.

  3. Elisa Baker(Flavia)

    OOOOOh e manco il tempo di dirti che ti aspettavamo e t avevi già “operato” ..brava Silvia. Con la frittata non si sbaglia mai … e ormai io sono anche esperta di “giralafrittata” senza fare disastri sui fornelli (infatti la giro sempre sul lavello!! ahahahah…. grazie per la partecipazione, un bacio Flavia

  4. Silvia (Autore Post)

    Lavello per girare le frittate Best Friend Forever!

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *