Silvia Pasticci

FURTO DI RICETTE: la torta delle due arance di Arabafelice con una piccola variazione.

Torta delle due arance di Araba Felice.
Print Friendly, PDF & Email
Deliziosa insieme al thè.

Deliziosa insieme al thè.

Ho un quaderno, comprato ad un museo, che in copertina ha un quadro di Monet. Su quel quaderno scrivo le ricette che trovo e che vorrei rifare e che mi sembrano ipercollaudate. Dato che le voglio ipercollaudate rara volta entrano le ricette delle riviste prima di essere state provate… ma ci sono dei blog che sono delle garanzie ed uno di quello è Arabafelice in cucina. Lì ho rubato questa torta, era sul quaderno dal momento in cui l’ho letta perché di lei ti puoi sempre fidare e, infatti, tantissime delle ricette che ho copiato a mano sono le sue.

Il suo blog è l’unico che anche il Signor Pasticci guarda, anche se lui con interesse antropologico, perché i racconti dell’araba sono sempre stupendi, a volte ti fanno ridere altre volte il sorriso diventa una smorfia triste-schifata quando parla su certe situazioni e sul rispetto per le donne… ma è sempre e comunque interessante.

Sulle ricette, cosa dire?, semplici, veloci, provate da lei e giudicate con grande sincerità (quando rifa i libri). Semplicemente, fate un salto da lei e vedrete.

Rispetto a questa torta… mi sono permessa di cambiare una cosa (e sbagliare un’altra). Risultato fantastico, è rimasta buona tutta la settimana ed il giorno dopo era molto più buona, fa una bella figura, non ci intassa le arterie perché non ha burro ed è buonissima col thè!

Torta delle due arance di Araba Felice.

Per una teglia di 24 cm:

  • 2 arance grandi (e qui arriva l’errore)
  • 2 uova L
  • 200 g olio di semi di mais (pura pigrizia, non volevo lavare il vaso misuratore ed ho pesato l’olio, quanto è in volume? non ho la più pallida idea ;-P )
  • 300 g zucchero semolato
  • 250 g di farina 00
  • 1 busta di lievito per dolci

Per la glassa:

  • 5-6 cucchiai di zucchero al velo per Araba 4 per me
  • 2 cucchiai di cacao amaro, 0 per Araba
  • Succo d’arancia o acqua, per me acqua

Spellare le arance a vivo e togliere i semi. Le mie arancie avevano la buccia molto spessa ed ho messo tre, lì l’errore che ha reso la torta più umida e meno spugnosa ma, accidenti che buona comunque!

Mettete nel robot le arance e frullatele insieme alle uova e all’olio, una volta ben ammalgamato tutto aggiungete il resto degli ingredienti e date un’altra frullata.

Infornate a 180°C per 30-40 minuti, la mia, siccome in partenza era più liquida è stata in forno per 50 minuti, comunque pungetela con uno stecchino.

Per la glassa ho deciso di sostituire una parte dello zucchero al velo con del cacao perché adoro la miscela cioccolato-arancia e perchè 300 g di zucchero nell’impasto mi erano già sembrati abbastanza… aggiungete il liquido prescelto pianino, la glassa deve essere un po’ densa, versatela sopra la torta ancora tiepida ed aspettate che asciughi per addentarla. Lo so, questo passaggio è durissimo 😉

Godetevi i vostri pasticci ed alla prossima. O anche su facebook!

Besos.

4 Commenti

  1. arabafelice

    Sei troppo carina, ma grazie!!!!
    Sono contenta che la torta ti sia piaciuta, la rifaccio spesso.
    Quanto all’olio ci hai praticamente azzeccato 😉

    Un bacione!

    Replica
    1. pasticcidisilvia (Autore Post)

      🙂

      Replica
  2. arabafelice

    E fossero questi i furti…;-)

    Replica
    1. pasticcidisilvia (Autore Post)

      Stavo per avvertirti via mail del furtarello, tra un po’ ti ruberò anche gli zucchini bites, una delle ricette più copiate del mondo mondiale. Grazie della visita (anche se mi vergogno come un cane dato lo stato di quasi abbandono in cui versa il blog…)

      Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × uno =