Silvia Pasticci

La mia sfoglia con asparagi e formaggio di capra per il Club del 27.

Print Friendly, PDF & Email

Fine mese e, puntuale come solo la bolletta dell’energia elettrica sa essere, ecco a voi Il Club del 27 e la mia sfoglia con asparagi e formaggio di capra. Questo mese il libro prescelto da Ilaria di Soffici Blog è stato Bring it! Ali Rosen, un bel libro pieno di ricette conviviale e pensato per chi va dagli amici portando con se qualche leccornia da gustare, un enorme grazie a Mai del blog Il Colore della Curcuma per il banner che rappresenta benissimo l’idea di questo libro.

Ma… ma per la prima volta io ho un ma… in realtà non so se è proprio un ma o sono io che mi sono presa fin troppe libertà d’interpretazione della ricetta e la sfoglia con asparagi e formaggio di capra non è stata all’altezza dalle mie aspettative, non la porterei mai ad una cena dove ognuno porta qualcosa con l’idea di fare bella figura. Intendiamoci, non è proprio cattiva, solo un po’ troppo “piatta”!

Per farla ho usato un rotolo di pasta sfoglia rettangolare, tre mazzi di asparagi, poco olio d’oliva per ripassare in padella gli asparagi, robiola di capra (a sentimento, sul lato di mio marito non c’era, per dire…), sale e pepe.

Nella ricetta originale gli asparagi andavano messi a crudo sulla sfoglia e semplicemente passati in forno, io ho preferito ripassarli per 4/5 minuti in padella per evitare che fossero non croccantini, ma legnosi. Questo è stato forse il mio primo errore, il passaggio in padella ha fatto perdere acqua agli asparagi che hanno continuato il processo in forno e da una sfoglia con tre mazzi di asparagi di medie dimensioni siamo passati ad una sfoglia comprata senza lode e senza infamia (vabbè, un pochino d’infamia sì) con “qualche” asparago sopra… Secondo me non saziava gli occhi ne il palato, con tre mazzi di asparagi e qualche uovo sodo facevo un insalata che lèvati! riempiva di più gli occhi anche se non era tanto comoda da mangiare come la sfoglia tagliata a quadrotti.

Seconda variazione, il rosmarino. Nella versione originale la verdura era cosparsa di rosmarino tritato fine prima d’infornare. Io sono sempre stata dell’idea che il rosmarino dia il meglio di se se viene immerso in un liquido, grasso o acquoso che sia, se io trito il rosmarino e cospargo gli asparagi crudi che rilasceranno poca e niente acqua di vegetazione il rosmarino si brucia o si secca e non lascia gusto e, anzi, rischia di bruciare e diventare amaro e così ho deciso di saltare questo passaggio. Noi del Club del 27 abbiamo un gruppetto su facebook dove ci confrontiamo e quando ho detto che non volevo presentare la mia sfoglia perchè avevo fatto troppi cambiamenti altre clubbiste mi hanno detto che il rosmarino in realtà non si brucia e lascia un buon sapore. Quindi sono già all’errore numero 2 🙂

Insieme al rosmarino, sopra la torta ci andavano dei cipollotti che avevo scordato al negozio quindi anche qui errore numero 3, ma continuo a pensare che il cipollotto messo “a secco” sugli asparagi non aveva molto senso… e pure qui smentita dalle altre clubbiste che hanno preparato la sfoglia 🙂

Il formaggio non messo in forno, ma sistemato dopo la cottura era un qualcosa di cui non potevo fare a meno, Marito non ama i formaggi e, non sapendo quanta sfoglia con asparagi avremmo mangiato, ho preferito metterlo esclusivamente sulla mia parte. Comunque, robiola di capra e asparagi stanno benissimo insieme! (credo che tra non molto mi farò un risottino da single con questa combinazione, alla faccia di chi non li vuole i formaggi).

In pratica (risatina imbarazzata), non ho seguito la ricetta e ho preso una cantonata. Prometto a me stessa di ritentare abbondando con gli asparagi a crudo e senza togliere il rosmarino, vi terrò aggiornati!

22 Commenti

  1. Elena Arrigoni

    Però dai…è un’idea semplice…certo, magari aggiungendo un formaggio più di carattere prenderebbe maggiore senso 😉

  2. Silvia (Autore Post)

    Forse ho scelto la ricetta più “tontolona”, era buono, per carità, ma tre mazzi di asparagi consentivano ben altro (anche perché grigliati con sale maldon e succo di limone sono una bontà!)

  3. Milena Gardella

    Lo scopo del Club è proprio quello di testare le ricette nelle nostre cucine. Ho molto apprezzato le tue osservazioni così da non ripetere gli errori nel caso volessimo riproporre questa ricetta. Brava, un abbraccio.

  4. Gianni

    Sicuramente ci sono altri modi per valorizzare gli asparagi ma nello spirito del Potluck penso che questa ricetta sia perfetta.
    Complimenti

  5. Barbara

    Anche se non.sei soddisfatta sono sicura che la tua versione sarà ugualmente buona

  6. Daniela

    Devo dire che questo post l’ho trovato interessate. Hai fatto bene a pubblicare esprimendo le tue perplessità.
    Io ho fatto questa torta salata e prossimamente la pubblicherò, ma con gli asparagi cotti a vapore e mi sono trovata bene. L’idea di metterli a crudo proprio non mi andava.
    Ah…anche mio marito non vuole i formaggi e io ho risolto con due tortine salate: una con formaggio e una senza 😉

  7. Silvia (Autore Post)

    Devo esserti sincera, spesso provo ricette fatte seguendo tutti i passaggi del libro/rivista e mi ritrovo con risultati deludenti che non pubblico. Inizio a pensare che sarebbe utile a tutti pubblicare SPECIALMENTE quello che non andava sia per “sbugiardare” autori, sia per far capire i passaggi dubbi in modo da trovare le alternative per salvare il piatto.
    E quanto li viziamo sti mariti? 😀

  8. Silvia (Autore Post)

    Sempliciotta, ma buona. Una ricetta ottima per chi è alle prime armi.

  9. Silvia (Autore Post)

    Grazie Gianni, di certo come preparazione da davvero poco da fare, ideale per prepararla al volo e correre dagli amici.

  10. Silvia (Autore Post)

    Grazie Milena, sentirmi utile è un grande piacere!

  11. Gabriella

    Ciao Sivia a me è piaciuta un sacco come salato!!
    ho apportato alcune modifiche certo, ma di partenza lo trovo buonissimo!!

  12. Tina

    Ho proprio apprezzato i tuoi commenti.

  13. antonella

    gli insuccessi o meglio le insoddisfazioni son tutta esperienza! Un bacio!

  14. Paola

    Ma sai che io sono invece curiosa di provare a partire proprio con gli asparagi da crudi? Tempo fa espressi le stesse perplessità con degli asparagi ripassati in padella da crudi, in una ricetta della Pascale e mi sono ricreduta. Erano buonissimi e croccantini. Mgari provo anche a non essere perplessa di fronte alla cottura in forno 🙂 Intanto però pensavo di evitare la cipolla.. alla luce di quanto hai fatto tu, mi dici che è il caso di evitarla o la metto, anche se la amo poco?

  15. elena

    ecco anch’io avevo perplessità sulla torta e per quello non l’ho fatta.
    Avrei anch’io cotto un poco gli asparagi ma li avrei lessati per evitare di togliere ulteriore acqua, altra cosa che non mi ispirava era di mettere gli asparagi direttamante sulla pasta, avrei messo sotto il formaggio… e poi i cipollotti così a crudo? Sul rosmarino non ci avevo riflettuto, ma sono del tuo parere… Grande Silvia!

  16. Anna Laura

    Mmmmmm… mi è un po’ passata la voglia di replicarla. Mi sa che quel bel mazzo di asparagi che mi hanno regalato lo utilizzerò per qualcosa di meno “piatto”. Grazie Pasticcina!

  17. Silvia (Autore Post)

    A te, Anna Laura! Non vorrei incontrare l’autrice del libro, però… Chissà quanto mi ringrazia per i complimenti che ho fatto al suo piatto😅😅😅

  18. Silvia (Autore Post)

    Grazie Elena! Non avrei mai pensato che si potesse “costruire una carriera” analizzando la replicabilità di una ricetta, ma vedo che l’onestà paga.

  19. Silvia (Autore Post)

    Se non la ami, evitala! Anche se, secondo me, a metterla sopra l’asparago il rischio è che secchi e non sappia di nulla e la potresti mandar giù…

  20. Silvia (Autore Post)

    Credo seriamente che in questo blog (semi morto) ci starebbe bene una sezione sugli insuccessi in cucina seguendo le ricette di altri…

  21. Silvia (Autore Post)

    Grazie! Non volevo partecipare perché non mi era piaciuto il risultato, ma avete gradito molto la mia onestà nel trovare i difetti in modo ragionato (o così volevo presentarli). Credo che a dire “buonissimo” son tutti bravi, sarebbe bello essere più sinceri, le delusioni in cucina proponendo ricette d’altri sono all’ordine del giorno. E non perché non si seguano tutti i passaggi…

  22. Silvia (Autore Post)

    Tenterò anch’io di nuovo, con una sfoglia più piccola, e usando asparagi piccoli a crudo. Con la testa dura che ho non posso essere sconfitta da un rotolo di sfoglia e qualche asparago, perbacco!

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *